Bici in autunno? I consigli di Cardio Cycling

Scopri 6 percorsi da fare in bicicletta vicino a Torino adatti a tutti

Cardio Cycling® ti propone alcune opzioni outdoor per scoprire i dintorni della tua città o semplicemente per trascorrere una giornata all’aperto.



Arriva l’autunno, la stagione ideale per una giornata in bici, per ciclisti e non. Vedrai che, grazie all'allenamento a Cardio Cycling®, questi percorsi sono assolutamente alla tua portata.
Trascorrerai una giornata rilassante e divertente, senza fatica.

Giro sulle rive del Po, da San Mauro a Moncalieri



Una pista ciclabile corre lungo le due sponde del Po e collega i vari ponti sul fiume: Ponte Regina Margherita, Piazza Vittorio, Murazzi, Ponte Umberto I, parco del Valentino, Ponte Balbis e molto altro…
Il percorso prosegue fino a San Mauro: dal Ponte Sassi, costeggia la Dora e attraversa il Parco Colletta fino al ponte Bertolla. Scendi a destra, prosegui per circa un km e prendi la ciclabile a fianco del canale. Per trovare questo passaggio, a volte un po' nascosto chiedi ai runners o ai numerosi ciclisti lungo il percorso, che saranno felici di indicarti la strada.
Arrivati a San Mauro si attraversa il ponte per tornare verso Torino percorrendo l’altra sponda, toccando l'antico galoppatoio militare nella Riserva naturale del Meisino, il Ponte di Sassi e infine il Parco Michelotti, il vecchio zoo della città. Un percorso meraviglioso, soprattutto in autunno.

Se vuoi allungare il percorso in bicicletta, si può andare in direzione Moncalieri, dopo il parco del Valentino si prosegue sulla pista in cemento fino alla fontana a toretto dove si entra nel Parco delle Vallere. Da qui il percorso continua lungo il fiume su un doppio sentiero per biciclette e cavalli. Costeggiando il campo da golf, eccoti alla periferia di Moncalieri.
Prediligi le ore centrali della giornata, evitando il mattino presto e la sera.

Il Parco della Mandria in bicicletta

Questo è un facile itinerario adatto anche alle famiglie con i bambini. L'ingresso principale del Parco della Mandria è in fondo a Viale Carlo Emanuele II: sulla destra si trova un ampio posteggio gratuito per auto e un punto informativo a cura dell’ente parco. L'ingresso è consentito esclusivamente ai pedoni e alle biciclette, mentre è vietato ai cani. L'accesso al parco è possibile anche da Fiano, Robassomero, Druento e San Gillio.
Il percorso è un misto di asfalto, pietra e sterrato, ed è prevalentemente pianeggiante ed immerso nel verde, con qualche piccola e facile salita.
Consulta la mappa completa sul sito del parco: mappa Mandria  

Dall’ingresso Ponte Verde svolta a sinistra e dirigiti verso la cascina La Bizzaria; scegli il percorso che preferisci tra prati, cascine (Cascina Rubbianetta, Cascina Oslera, Cascina Peppinella) castelli e boschi. Concediti una pausa al Castello della Mandria, proprio davanti all’entrata Ponte Verde.
Un ultimo consiglio: La Reggia di Venaria, una delle Residenze Sabaude parte del sito seriale UNESCO iscritto alla Lista del Patrimonio dell'umanità dal 1997, merita una sosta, ospita sempre interessanti mostre (a ottobre 2019 Art nouveau, David LaChapelle, Viaggio nei Giardini d’Europa e Viaggio Fotografico nei Giardini delle residenze reali d’Europa).

http://www.lavenaria.it/it/mostre

Il Parco di Stupinigi



Il parco di Stupinigi è totalmente pianeggiante e offre numerose strade sterrate che si snodano nei prati, nei boschi e lungo le cascine. Data la dimensione contenuta nel parco, puoi esplorare tutte le strade in assoluta libertà. Consulta il sito dell’ente parco.

Vuoi arrivare a Stupinigi in bici?
Dall’ingresso della cascina Le Vallere vai verso sud e supera corso Trieste con la passerella. Continua per via Bosso, supera il ponte sul Sangone e al semaforo svolta sulla sinistra. Imboccata via Ponchielli, passa a sinistra sotto la ferrovia e continua dritto. Passa sotto il ponte di via Sestriere e prosegui lungo il Sangone fino in via Artom. Svolta a destra, alla rotonda supera via Artom e prosegui lungo la strada Castello di Mirafiori che corre lungo Parco Colonnetti, fino a incontrare sulla sinistra il Mausoleo della Bela Rosin.
Subito dopo il Mausoleo la pista ciclabile piega sulla sinistra, supera il fiume Sangone su una passerella ed entra all’interno del Boschetto di Nichelino. Esci da questo e vai diritto fino a una rotonda dove prendi a destra via XXV Aprile che supera la tangenziale e arriva in Viale Torino. Attraversa e svoltando a sinistra arriverai alla Palazzina di Caccia di Stupinigi.
Scopri l'itinerario su https://www.inqubatore.it/in-bici-torrente-sangone-stupinigi/

In bici attorno ai Laghi di Avigliana

I laghi di Avigliana offrono un itinerario cicloturistico facile alle porte di Torino, dove la maggior parte del percorso è su pista ciclabile e su sentieri protetti.
La partenza è in via Grignetto ad Avigliana, da qui prendi la pista ciclabile fino a corso Laghi; di qui la pista prosegue per un percorso intorno al Lago Grande di Avigliana.
Il tratto di via Monginevro è una pista ciclo-stradale per cui passano anche poche auto; anche il tratto di via Pontetto, che arriva alle spalle del "Santuario della Madonna dei Laghi", è ciclo-stradale e dunque ha qualche auto.
Il tratto vero ciclabile e lungo il lago Grande è molto bello, in mezzo al Parco Naturale, ben segnalato con cartelloni esplicativi.
Scopri tutti i percorsi dei laghi sul sito del Comune di Avigliana.

La Basilica di Superga



La salita di Superga da Sassi fa parte della storia del ciclismo perché è l'arrivo di una delle più importanti Classiche del ciclismo italiano, la Milano-Torino.
A Superga si può arrivare in diversi modi sia su strada asfaltata che su strada sterrata. Il percorso più apprezzato dai ciclisti su strada è la salita da corso Casale verso Pino Torinese, svoltando poi a sinistra per la Strada panoramica di Superga.
Quando arrivi a Superga, troverai le tombe dei reali Savoia e il monumento al Grande Torino, ma il regalo più grande è senz’altro il panorama: la città di Torino ai tuoi piedi e l'imponente corona delle Alpi sullo sfondo. Con il divertimento della discesa, in un momento sei di nuovo in centro!

Il Colle della Maddalena

Sono diverse le opzioni per raggiungere il Colle della Maddalena in bicicletta, tutte abbastanza impegnative, ma fattibili per chi si allena a Cardio Cycling®!
Per i meno allenati: perché non provare la E-bike?
Da Piazza Vittorio si attraversa il fiume Po e si comincia a salire lungo Via Villa della Regina, poi si svolta a sinistra dove inizia la salita verso l'Eremo e il Colle della Maddalena.
Superata Villa della Regina (se è aperta approfittatene per una visita), e dopo diversi tornanti, si arriva all’Eremo. Di qui seguendo le indicazioni per il Parco della Maddalena si entra il parco, lungo una stada sterrata si arriva fino all'imponente Angelo. Avrai raggiunto il punto più alto della collina di Torino a 716 mt slm.

Devi noleggiare una bicicletta?

Stai cercando una bicicletta da noleggiare o ti piacerebbe avere qualche informazione in più sui percorsi cicloturistici della Regione?
Puoi rivolgerti a CICLITORINO, dove Steve Tarticchio, il nostro istruttore Cardio Cycling® e guida cicloturistica iscritta all'Albo ufficiale della Regione Piemonte, sarà lieto di aiutarti nella scelta del tuo percorso.

CICLITORINO – info@ciclitorino.com - 3311518146

Vuoi allenarti per il tuo prossimo giro in bicicletta?

Scopri Cardio Cycling®, il rivoluzionario allenamento di indoor cycling, la nuova moda del momento che sta contagiando tutti, in città come nel resto del mondo!


SCOPRI LA FORMULA DI PROVA